MATTHEW-HENRY

E' il pi¨ importante commentario biblico di tutti i tempi.

Matthew Henry (1662-1714) Ŕ stato considerato uno dei pi˙ grandi espositori della Bibbia.

Il commentario da lui scritto esamina a fondo, versetto per versetto, l'intera Bibbia, dalla Genesi all'Apocalisse.

La sua opera, redatta originariamente in inglese, Ŕ stata tradotta in francese, in spagnolo e in altre lingue, e adesso, finalmente, Ŕ disponibile anche in italiano.

Il commentario di Matthew Henry Ŕ uno dei pi¨ apprezzati nel mondo evangelico; esso ha influenzato i leader religiosi del XVIII secolo, sia gli arminiani come Wesley, sia i calvinisti come Whitefield.

Gli inni di William Cowper, ad esempio, sono stati ispirati dallo spirito e persino dal frasario di Matthew Henry.

Nel leggere il commento su Levitico 8:35, si possono riconoscere le parole che Charles Wesley pi˙ tardi us˛ nell'inno A charge to keep I have.

Addirittura intere frasi di questo commentario sono diventate epigrammi popolari nella lingua inglese.

C.H. Spurgeon, conosciuto come il "principe dei predicatori", ebbe a dire a proposito che "ogni ministro dovrebbe leggere l'opera di Matthew Henry interamente e attentamente almeno una volta nella vita".

Il noto predicatore Gorge Whitefield lesse il Commentario per intero ben quattro volte prostrato sulle ginocchia e parlava sempre del grande Matthew Henry verso il quale sapeva di essere debitore.

Per˛, ci˛ che pi¨ conta Ŕ che la sua interpretazione della Parola di Dio ha aiutato a creare e a rafforzare gli standard di moralitÓ secondo i quali il cristiano modella e dirige la sua vita. La presente edizione, con i suoi 12 volumi e circa 10.000 pagine di commento, pu˛ essere annoverata tra le opere evangeliche pi¨ consistenti mai pubblicate in lingua italiana.